GRANDE SUCCESSO DEL CONVEGNO NAZIONALE ACR-ONLUS “LE ATTIVITA’ PORTATRICI DELLA CULTURA RURALE”

Vicenza, 23 dicembre 2011

Bilancio più che positivo del Convegno nazionale organizzato nella mattinata del 23 dicembre a Vicenza dall’ Associazione per la difesa e la promozione della Cultura rurale – Onlus. Il pubblico ed i rappresentanti dei mezzi di informazione, che hanno affollato la sala conferenze dei Chiostri di Santa Corona, hanno assistito ad un riuscitissimo evento che per la prima volta ha visto i rappresentanti di tutte le categorie portatrici della Cultura rurale dialogare tra di loro creando le condizioni per difendere e promuovere sinergicamente le loro attività.

L’ on. Sergio Berlato, promotore del convegno e Presidente dell’ Associazione per la difesa e la promozione della Cultura rurale, ha così commentato “esprimo piena soddisfazione per la riuscita dell’ evento e credo fortemente che quello che siamo riusciti a fare oggi a Vicenza rappresenti un passo fondamentale verso un futuro che vedrà tutte le realtà portatrici della Cultura rurale unirsi per difendere il prezioso bagaglio di storia, di cultura e di tradizioni di cui sono portatrici”

Associazioni di agricoltori, allevatori, cacciatori, pescatori ed associazioni ambientaliste propositive e non integraliste hanno portato il loro contributo di idee ed hanno avuto la possibilità di confrontarsi, consapevoli della necessità di unire le forze per contrastare le iniziative di coloro che non condividendo alcune attività nepretendono la forte limitazione o addirittura l’ abolizione, non rendendosi conto del grave danno che questo arrecherebbe al nostro Paese.

Durante le intense ore del convegno, i relatori hanno avuto la possibilità di offrire, al pubblico presente ed ai rappresentanti dei mezzi di informazione, una corretta informazione su ciò che le attività portatrici della Cultura rurale rappresentano in termini numerici, economici, occupazionali, sociali e culturali.

Nel discorso conclusivo dei lavori l’ on. Sergio Berlato ha sottolineato che “saranno organizzati incontri come quello di oggi in tutte le regioni italiane perché c’è la necessità di informare l’ opinione pubblica su cosa vuol dire Cultura rurale e cosa ruota attorno ad essa, per far conoscere e quindi far rispettare le attività che ne sono portatrici”.

Ufficio stampa

Associazione per ladifesa e la promozione della Cultura rurale – Onlus

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi