Homepage Notizie

PREVALGA IN TUTTI NOI IL SENSO DI RESPONSABILITA'

06.04.2021


Documenti


PREVALGA IN TUTTI NOI IL SENSO DI RESPONSABILITA'

In questi giorni abbiamo dovuto chiarire alcuni aspetti importanti:

  1. L'Associazione per la Cultura Rurale è un'Associazione culturale e non vuole sostituirsi a nessun'altra associazione ma vuole unire le forze di tutti i portatori della Cultura rurale per sconfiggere i nemici comuni, pur garantendo a tutte le componenti che aderiscono al Progetto di ACR la propria autonomia, identità, indipendenza;
  2. L'Associazione per la Cultura Rurale, lungi dall'essere dotata del dono dell’infallibilità, non ha detto “inesattezze o cose non vere”, ma ha solo messo in guardia il mondo rurale dai pericoli reali che stanno correndo le nostre attività;
  3. Pur prendendo atto degli errori commessi da alcuni dirigenti venatori che hanno ritenuto di sottoscrivere accordi al ribasso con i rappresentanti del mondo animal-ambientalista, accordi che non hanno portato alcun beneficio alle nostre attività, si spera che questi errori non vengano più commessi in futuro perché “errare è umano ma perseverare è diabolico”;
  4. Dobbiamo fare in modo che le nostre divisioni interne, di cui sarebbe ipocrita non ammetterne l'esistenza, non possano diventare la principale forza di coloro che vogliono annientare le nostre plurisecolari attività;
  5. Se abbiamo tratto insegnamento dagli errori del passato, deve prevalere in ognuno di noi il senso di responsabilità, privilegiando ciò che ci unisce e lasciando da parte ciò che ci può dividere.

L'Associazione per la Cultura Rurale torna quindi a tendere la mano a tutti coloro che hanno a cuore il futuro di tutte le attività portatrici della Cultura rurale, invitando tutti i rappresentanti di tutte le attività portatrici della Cultura rurale, nessuno escluso, a ritrovarsi per concordare una linea comune per respingere l'offensiva in atto ai danni delle nostre attività.

La raccolta firme per l'indizione di un referendum abrogativo della sola parte della legge statale n. 157/92 che consente l'esercizio dell’attività venatoria, lasciando in vigore solo la parte che prevede la protezione della fauna selvatica, è un pericolo reale che non va sottovalutato.

Le varie iniziative miranti all' abrogazione dell'art. 842 del Codice civile, sia attraverso la raccolta firme per l'indizione di un referendum abrogativo che attraverso il deposito al Senato della Repubblica di uno specifico Disegno di legge, sono un pericolo reale che non va sottovalutato.

Il tentativo di inserire i diritti degli animali in Costituzione, considerati come esseri senzienti, è un pericolo reale che non va sottovalutato.

Il tentativo di escludere ben 19 specie dall'elenco di quelle cacciabili, attualmente previste dall'art. 18 della legge statale n. 157/92, è un pericolo reale che non va sottovalutato.

La sottrazione all’attività venatoria di una percentuale di territorio agro-silvo-pastorale italiano che va ben oltre i limiti massimi previsti dalla legge, è un problema che deve trovare immediate risposte da parte delle Istituzioni.

Il problema dell’incontrollata presenza di molte specie di fauna selvatica che stanno provocando danni ingenti alle colture agricole ed a numerose attività antropiche, oltre che all'ecosistema, deve trovare immediate risposte da parte delle Istituzioni.

Questi sono alcuni dei temi principali che riteniamo necessario affrontare urgentemente al tavolo di lavoro composto da tutti i rappresentanti di tutte le attività portatrici della Cultura rurale.

La necessità di dotare tutte le attività portatrici della Cultura rurale di un adeguato piano di comunicazione per far conoscere all'opinione pubblica chi siamo e cosa rappresentiamo in termini numerici, economici, occupazionali, sociali e culturali, deve essere considerata come nostra fondamentale priorità.

Prevalga in ognuno di noi il senso di responsabilità se vogliamo garantire un futuro dignitoso a tutte le nostre attività.

 

  1. Sergio Berlato

Presidente pro tempore dell'Associazione per la Cultura Rurale

 

 

Thiene, li 6 aprile 2021                                                                                                       


NOTIZIA PRECEDENTE
NOTIZIA SUCCESSIVA